ISTRUTTORE CINOFILO GENTLE TEAM
EDUCATORE CINOFILO FICSS-CONI
Scuola di educazione cinofila
         I LIKE FREE DOG asd 

      ELENA ROSSI


ISTRUTTORE CINOFILO GENTLE TEAM/EDUCATORE CINOFILO FICSS
 

BLOG A 6 ZAMPE

QUESTO BLOG E' DEDICATO A CHI AMA I CANI E DESIDERA AVERE SEMPRE PIU' INFORMAZIONI PER IMPARARE A CONOSCERLI ,COMPRENDERLI ,AIUTARILI!


visualizza:  completo / riassunto

ALLERGIE NEL CANE

Pubblicato il 03 maggio 2018 alle 10.40

LE ALLERGIE NEL CANE

Anche gli animali come noi soffrono di allergie che possono essere sia passeggiere ma anche a lungo termine

Le sostanze che possono provocare allergie al cane sono generalmente proteine e carboidrati e possono trovarsi in qualsiasi cosa come il cibo,prodotti per la pelle,medicine,pippette antipulci.

 

Le allergie possono interressare diverse parti del corpo come :

- la Cute: dove si possono riscontrare arrossamenti, eritema, edema, prurito,perdita di pelo,escoreazzioni,pustole.

-Le Orecchie: puo' dare delle otite sia esterna che esterna.

– Gli Occhi: come congiuntivite,lacrimazioni ,muco.

– Nell'aApparato respiratorio: mancanza del respiro, asma, tosse.

– nell'Apparato digerente: malassorbimento dei cibi , diarrea, vomito.

– Shock anafilattico.

Alcuni esempi delle allergie più comuni nel cane

• Dermatite allergica da pulci: è la causa più comune di prurito e grattamento nei cani (e anche nei gatti). Quando la pulce morde il vostro animale inietta nella cute una piccola quantità di saliva. Cani e gatti possono sviluppare reazione allergica a una proteina contenuta nella saliva che causa forte prurito.

• Allergia alimentare: determinate dal cibo possono provocare sia pruriti sia vari segni gastrointestinali come diarrea e vomito.

 

 

• Dermatite atopica: è una predisposizione ereditaria a sviluppare sintomi allergici dopo ripetute esposizioni ad alcune sostanze altrimenti innocue come polvere, acari della polvere, erbe e pollini. I sintomi sono eritema, prurito, iperpigmentazione. escoriazione e otite esterna.

 

• Dermatite da contatto: Le manifestazioni dipendono dalla durata e dalla frequenza dei contatti, dalla concentrazione degli allergeni e dalla sensibilità dell’animale,

Tutti i materiali possono causare dermatiti allergiche da contatto. I sintomi riguardano principalmente la regione in contatto con l’allergene e provocano pruriti, eritema, perdita pelo, otite esterna;

 

Come riconoscere le allergie del cane

Esistono dei test sierologici di laboratorio che con un prelievo di sangue ci permettono di sapere se il nostro cane è allergico. In alcuni casi, prima di effettuare l’esame di laboratorio, si procede per esclusione eliminando se possibile i probabili allergeni. E il caso soprattutto delle allergie alimentari

 

se dopo le analisi riscontriamo un tipo di allergia le cose che possiamo fare sono :

Eliminare il principio che da allergia.

è utile l’assunzione di vitamina E Omega 6 e Omega 3, e sostanze antinfiammatorie, tutte componenti presenti nell’olio di ribes nero.

E sempre indicato comunque rivolgersi ad un veterinario se il nostro cane manifesta uno dei sintomi sopraindicati.

 

COME AGISCONO I FIORI DI BACH

Pubblicato il 07 marzo 2018 alle 09.40

FIORI DI BACH

IL DR.EDWARD BACH 

 E' NATO  COME MEDICO E OMEOPATA NATO A LONDRA NEL 1936 FU L’INVENTORE DEI 38 FIOR DI BACH

PASSO’ LA SUA VITA A CERCARE UN METODO PIU’ NATURALE POSSIBILE PER PREVENIRE E CURARE LE MALATTIE-PATOLOGIE

ERA CONVINTO CHE LE EMOZIONI AVEVANO UN RUOLO FONDAMENTALE NELLA STABILITA’ FISICA

ED EMOTIVA.

IL CAMPO IN CUI AGISCONO PRINCIPALMENTE I FIORI DI BACH E’ QUELLO DELLE EMOTIVITA’ E DEGLI STATI D’ANIMO.

L’EFFETTO DERIVANTE DA QUESTI RIMEDI NON E’ QUELLO DI SOPPRIMERE GLI ATTEGGIAMENTI E GLI STATI EMOTIVI NEGATIVI MA PIU’ TOSTO QUELLO DI TRASFORMARLI IN ATTEGGIAMENTI POSITIVI ANDANDO A RIEQUILIBRARE LE EMOZIONI

QUESTI RIMEDI FLOREALI COME ALTRI RIMEDI FLOREALI AGISCONO TRATTANDO L’INDIVIDUO E NON LA MALATTIA.

LA LORO AZIONE LAVORA IN MODO SPECIFICO SULLE CONDIZIONI EMOTIVE DELLA PERSONA O DELL’ANIMALE DI CONSEGUENZA SE DUE PERSONE O ANIMALI HANNO LO STESSO DISTURBO NON SIGNIFICA CHE POSSANO TROVARE BENEFICIO DALLO STESSO FIORE.

 


Rss_feed